Nell’era digitale avere una buona reputazione online è fondamentale per le aziende, ormai obbligate a monitorare ogni aspetto del web per riuscire ad ottenere risultati sempre migliori ed ottimizzare le vendite. Ma come lavorare per avere una web reputation all’altezza?

Reputazione online

Iniziamo a dare una definizione di reputazione digitale: si tratta di controllare costantemente tutte le recensioni online su un determinato prodotto o servizio dell’azienda, non solo da parte dei clienti, ma anche dei competitors. Sapere che idea si è fatto il pubblico è fondamentale per capire eventuali punti di forza o debolezza e lavorare su questi ultimi. Il web ci viene in aiuto anche in questo caso, fornendo diversi tools che possono darci un valido supporto nel fare il “lavoro sporco”. Si chiamano web reputation tools ed i principali sono: Google Alert, Radian 6 e Social Mention.

LEGGI ANCHE Outbound e Inbound Marketing: la differenza tra i due approcci.

SEO e Social

Ma l’utilizzo di questi tools non è sufficiente. Per migliorare ulteriormente la nostra reputazione digitale è importante avere una buona visibilità sui motori di ricerca e catturare le impressioni provenienti dai social network, dove sono i clienti ad influenzare in maniera positiva o negativa l’acquisto di un determinato prodotto o servizio. Una buona strategia SEO è, come sempre, alla base di tutto. Avere una web reputation positiva vuol dire maggiori possibilità di acquisire clienti e, quindi, di vendere.

In conclusione possiamo dire che una buona reputazione online è la traduzione digitale del “tutti ne parlano bene” di diversi anni fa, quando non esisteva ancora la minima idea di come si sarebbe potuta evolvere l’idea di marketing. In un mondo come quello del web, dove i contenuti pubblicati sono pressoché immortali, è bene pianificare nei minimi dettagli ogni aspetto necessario alla realizzazione di una buona brand reputation.