0331-792411 clienti@mondored.it

I fattori di ranking più importanti che riescono ad incidere nel posizionamento di un sito web vertono quasi esclusivamente sul principio della User Experience. Andiamo a vedere nello specifico quali sono i fattori SEO da monitorare per il 2019.

Fattori di Ranking SEO

Come detto poc’anzi, i fattori che determinano il posizionamento di un sito web rispecchiano in misura sempre maggiore, nel corso degli anni, gli stessi fattori inerenti alla User Experience. La ragione principale verte nell’obiettivo da sempre prefissato da parte di Google, ossia salvaguardare e migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Per raggiungere tale scopo, quindi, il motore di ricerca dovrà fornire determinati risultati in base alle ricerche effettuate dagli utenti, in modo da non deludere in alcun modo le loro aspettative.

LEGGI ANCHE: I nuovi Social Trend da monitorare nel 2019.

Questa conclusione risiede nell’analisi dei fattori di ranking che, statisticamente, risultano essere quelli più adatti al fine di migliorare il posizionamento organico di un qualunque sito web. Tralasciando le attività di ottimizzazione SEO diventate ormai imprescindibili, come la velocità di caricamento e l’ottimizzazione del sito per dispositivi mobile, è fondamentale seguire alcune best practices:

  • Qualità backlink
  • Keywords
  • Visite dirette al sito
  • Tempo di permanenza sul sito
  • Lunghezza contenuti
  • Qualità contenuti
  • Numero ancore
  • Protocollo https

User Experience

In questa classifica è evidente come siano presenti sia fattori tecnici, come la scelta delle keywords migliori in base al volume di ricerca e alla concorrenza prevista, sia fattori esclusivamente legati all’utente. Questi ultimi infatti, come il tempo di permanenza sulle pagine di un sito o la qualità dei contenuti, sono strettamente legati al livello di soddisfazione degli utenti nel momento in cui stanno navigando all’interno delle pagine del vostro sito.

Assicurare la creazione di contenuti più lunghi può essere sinonimo di informazioni complete ed esaurienti e che, quindi, andrebbero logicamente a favore degli utenti così come il loro livello di qualità (informazioni e contenuti unici e originali). In definitiva, riuscire a ragionare mettendosi nei panni di un utente dovrà essere la strategia da utilizzare per qualsiasi tipo di attività SEO, ancor più rispetto ai fattori di ranking puramente tecnici che andrebbero a seguire, invece, il ragionamento dell’algoritmo di Google (come meta tag e keywords). Perciò, conoscere i fattori legati prettamente alla User Experience può essere un notevole vantaggio da riuscire a sfruttare.