0331-792411 clienti@mondored.it

Avete mai sentito parlare di communities? Si tratta di gruppi di persone unite dallo stesso interesse, sia esso un prodotto, un servizio o semplicemente un hobby.

Una community, nel marketing moderno e digitale, può diventare una vera e propria arma per il successo. Utile a creare valore per il brand, fidelizzare il cliente, aumentarne il vantaggio competitivo.

L’uomo, infatti, per natura ha bisogno di relazionarsi, cogliere informazioni da altre persone, condividere emozioni. Così come Facebook ha compreso da tempo questa necessità naturale, dando vita ai famosissimi gruppi, Twitter ha lanciato le Communities. 

Noi di Mondo Red siamo pronti a presentarti maggiori informazioni dedicate all’argomento, nel nostro approfondimento di oggi. 

La storia delle Communities

Le prime communities sono nate grazie ai forum. Con l’aumento dell’utilizzo di internet e dei social network, non solo a livello personale ma anche in ambito lavorativo, indipendentemente dal business principale di un’azienda, abbiamo potuto assistere alla nascita e sviluppo di numerosissime communities.

Il vantaggio della community dal punto di vista dell’utente? Leggere e visualizzare contenuti solo ad argomenti a cui è realmente interessato.

I luoghi online in cui è possibile trovare communities sono: Facebook, Linkedin, Telegram, Blog o qualsiasi altro luogo online dove consumatori, fan e imprese entrano in contatto.

 

Le novità di Twitter

Dall’inizio dell’anno ad oggi, Twitter ha proposto alla propria cerchia di utenti importantissime novità su diversi fronti.

Non molto tempo fa sono state introdotte alcune funzionalità mirate, tra cui le liste di Amici Fidati, che tanto ricorda la lista degli amici stretti di Instagram, con pubblicazioni indirizzate esclusivamente a cerchie ristrette di utenti selezionate dall’autore del contenuto. 

Nato e cresciuto come social netword dell’individualità, in cui il singolo poteva condividere un post personalizzato contenente testo, grafica, hastag, alla propria cerchia di fedelissimi, oggi possiamo annunciare una vera e propria svolta, con le Communites. Le communities altro non sono che luoghi virtuali, aperti a tutti, verso cui indirizzare i tweet a cui, in questo caso, avranno facoltà di rispondere solamente gli aderenti al gruppo.

Regole e utilizzo delle Communities

Illustriamo ora le principali regole e modalità di utilizzo delle Communities di Twitter.

  • Ogni utente potrà dare vita alla propria community, anche se in un primo momento potranno essere create solo da utenti selezionati;
  • Ogni community avrà un moderatore, che potrà impostare le regole del gruppo, assegnare ai singoli partecipanti delle regole precise. Alcune persone avranno un ruolo con maggiori funzionalità;
  • Le modalità di accesso sono molteplici: su invito di un moderatore oppure di un altro membro iscritto e verificato;
  • Attualmente le Communities non sono ancora accessibili a tutti. Visto il recentissimo lancio, è come se fossero in fase di test. Al momento i moderatori, figura chiave di questi gruppi, necessitano dell’approvazione di Twitter ma, prossimamente, saranno definiti meglio i requisiti necessari per ambire alla carica.
  • Al momento, la creazione di Community è circoscritta ai temi più popolari come cani, meteo, sneaker, cura della pelle e astrologia, ma nei prossimi mesi Twitter darà la possibilità a sempre a più persone di sfruttare la funzione Communities, creando gruppi in cui conversare di qualsiasi argomento

La creazione di communities è circoscritta ai temi più popolari come cani, meteo, sneaker, cura della pelle e astrologia, ma nei prossimi mesi Twitter darà la possibilità a sempre a più persone di sfruttare la funzione Communities, creando gruppi in cui conversare di qualsiasi argomento.

Non perdetevi, quindi, i nostri futuri articoli del blog per rimanere aggiornati sullo sviluppo di Twitter e dei principali canali social oppure contattateci per maggiori informazioni!