Nell’era del digital marketing diventa sempre più importante sapersi difendere da eventuali attacchi hacker per proteggere l’enorme quantità di dati sensibili in mano agli esperti. Per questo motivo la sicurezza informatica è un argomento da non trascurare e che richiede l’attuazione di strategie ad hoc per limitare al massimo i rischi o reagire con prontezza in caso di problematiche. Andiamo a vedere nel dettaglio quali accorgimenti seguire.

Cyber Security

La maggiore esposizione ad attacchi hacker è uno degli aspetti negativi legati al massivo utilizzo del web e delle tecnologie digitali, specialmente per quanto riguarda il campo del digital marketing, dove i professionisti del settore si trovano a dover gestire informazioni (i cosiddetti “Big Data“) presenti all’interno di cloud o, comunque, in spazi di archiviazione virtuali. Dall’altra parte per le imprese la presenza online è ormai fondamentale per essere più competitive sul mercato ed ottenere risultati migliori dal punto di vista della visibilità e, quindi, dell’acquisizione clienti.

LEGGI ANCHE: Defacement di un sito web: cos’è e come cambia la homepage

Una violazione di dati sensibili può causare danni sia al brand che ai conti dell’azienda stessa, per questo motivo la sicurezza informatica dev’essere necessariamente uno degli aspetti più curati all’interno di un’impresa che si occupa giornalmente della propria presenza sul web. I pericoli, oltre che dai già citati cloud, possono provenire anche dai social o dal mobile, dove le violazioni sono relativamente facili da attuare. A questo punto la domanda è una sola: come difendersi da queste minacce?

Sicurezza online: come difendersi?

Il primo passo per difendersi al meglio da qualunque tipo di attacco hacker è quello di informare ed educare gli addetti ai lavori con percorsi formativi mirati che offrano gli strumenti giusti per identificare immediatamente un tentato attacco informatico, sia esso un malware, una e-mail pishing o qualsiasi altra tipologia. Fondamentale è, quindi, la collaborazione tra i vari reparti per limitare al massimo il rischio informatico e diffondere all’interno dell’azienda una vera e propria cultura della sicurezza informatica.

I marketer dovranno, quindi, occuparsi sia della comunicazione interna che esterna all’azienda al fine di realizzare un piano comunicativo condiviso ogni qualvolta viene individuato un attacco informatico. Non esiste, naturalmente, una soluzione definitiva al problema della sicurezza informatica all’interno delle aziende e, più in generale, nel settore del digital, ma è fondamentale adottare queste misure preventive per trasformare il marketing da obiettivo primario degli hacker a difesa principale ed esempio per il personale interno.