0331-792411 clienti@mondored.it

La presenza di parole chiave in un sito web è indispensabile per farlo comparire tra i primi risultati di un motore di ricerca. Ma non tutte sono ugualmente efficaci ed ecco perché è sempre necessaria un’azione di keywords research.

La keywords research, ovvero la ricerca delle parole chiave, è l’insieme di tutte quelle tecniche che vengono utilizzate per individuare le migliori parole chiave per un sito che deve essere ottimizzato in ottica SEO.

Le parole chiave, keywords, sono quelle frasi composte da una o più parole che gli utenti del web utilizzano per cercare sui motori di ricerca cose di loro interesse (informazioni, prodotti, servizi).

Per questo è importante che ogni determinata pagina web, che sia di un sito, di un blog, di un catalogo o di un magazine, sia ottimizzata per una o più keywords.

Le keywords, o parole chiave

Per poter sviluppare con attenzione una keywords research bisogna prendere in considerazione l’intenzione di ricerca dell’utente (il motivo per cui sta effettuando, ad esempio, una ricerca su Google) e il volume di ricerca (il numero di ricerche effettuate per una determinata parola chiave).

Sulla base di questi due fattori possiamo suddividere le keywords in gruppi:

  • Informazionali: parole utilizzate per cercare informazioni varie. Ad esempio “filler labbra costi”.
  • Transazionali: lo scopo della ricerca è quello di completare una transazione, quindi scaricare immagini, un pdf, un ebook o acquistare online qualcosa di specifico.
  • Navigazionali: la ricerca ha il fine di trovare un sito web specifico.
  • Locali: l’utente sta cercando un’attività o dei servizi che siano disponibili in una determinata zona, dove vive o comunque di suo interesse. Come “psicologo Roma”.

Può variare anche la specificità delle parole chiave e, in base a questa, si possono identificare così:

  • Di testa: sono quelle composte da un’unica parola, con un alto volume di ricerca e una concorrenza alta (basso potenziale).
  • A coda media: sono keywords composte da 2 o 3 parole, vengono identificate da Google come una ricerca più specifica, hanno meno concorrenza, un potenziale più alto ma meno volume di ricerca.
  • A coda lunga: sono composte da 4 o più parole e sono considerate ricerche molto specifiche. Hanno pochissima concorrenza, una potenzialità veramente alta e sono utilizzate principalmente a scopo transazionale.

Come si fa una keywords research?

Per essere sicuri di ottenere un risultato efficace dalle keywords utilizzate, ci si deve concentrare sulla ricerca di quelle più adatte alla propria attività, seguendo passo dopo passo queste indicazioni.

  • Definire un obiettivo: è fondamentale tenere ben presente la mission della propria azienda. Quali risultati si vogliono raggiungere? In che modo? Come ci si può differenziare dalla concorrenza?
  • Creare un elenco di parole chiave: cercando di vestire i panni del proprio target, si può pensare ad una lista di keywords che possano corrispondere alle parole di ricerca su Google.
  • Verificare la potenzialità delle keywords: con l’utilizzo di determinati tools disponibili online (gratuitamente o a pagamento) è possibile controllare, una per una, le parole chiave che avete individuato. In questo modo potrete selezionarle, scartando quelle poco utili.
  • Analizzare la concorrenza: se nel vostro settore la concorrenza è molto alta, è conveniente studiare i vostri competitors per comprendere quali keywords hanno utilizzato per posizionarsi in alto nei risultati dei motori di ricerca.

Ovviamente una keywords research estremamente efficace non può essere sviluppata in modo autonomo ed autodidatta, ma deve coinvolgere professionisti dell’ottimizzazione SEO. Per richiedere la collaborazione degli esperti di Mondo Red è sufficiente cliccare qui!