0331-792411 clienti@mondored.it

Quando si lavora su un sito di grandi dimensioni e con molte pagine da dover indicizzare su Google, è necessario ragionare nell’ottica di ottimizzazione del cosiddetto Crawl Budget, o budget di scansione.

Cos’è il Crawl Budget

Per budget di scansione si intende la quantità definita di risorse che il motore di ricerca è disposto ad utilizzare per scansionare un sito web. Infatti, è opportuno precisare che l’attività di crawling effettuata dal motore di ricerca ha un costo relativamente ingente. La presenza di miliardi di pagine web dimostra come il processo di scansione possa diventare un grosso spreco di risorse da parte di Google.

Per questo motivo, quindi, il colosso di Mountain View dedica un budget di scansione predisposto per ogni sito internet, in modo da evitare una eccessiva dispersione di risorse. Il Crawl Budget, in definitiva, è un parametro che Google assegna al nostro sito internet. La domanda a questo punto è: come riuscire ad aumentare la considerazione di Google verso il nostro sito e permettere al motore di ricerca di dedicare un budget di scansione superiore?

Come aumentare budget di scansione

Innanzitutto teniamo a precisare che il fattore più importante in grado di influenzare questo parametro imposto da Google è il grado di autorevolezza del sito web. L’autorevolezza, a sua volta, dipende dal numero e, soprattutto, dalla qualità dei link. I link che rimandano ad un sito vengono considerati come degli indicatori che mirano a “consigliare” una pagina di quel determinato portale web. Di conseguenza, anche Google prenderà in considerazione quel contenuto. Altro fattore rilevante capace di influenzare il crawl budget è la frequenza di aggiornamento di un sito.

Infatti, Googlebot dedicherà una quantità di risorse superiore alle testate giornalistiche online in grado di produrre 30 articoli al giorno, rispetto ad un semplice blog che abbia una frequenza di pubblicazione molto inferiore. Infine, l’ultimo fattore, ma non per importanza, è la velocità di risposta del server nel fornire a Googlebot la pagina richiesta. La velocità di caricamento delle pagine, oltre ad essere un fattore di posizionamento, e anche un parametro che incide fortemente sul budget predisposto dal motore di ricerca per scansionare un sito internet.