0331-792411 clienti@mondored.it

Già dal 2018 ogni azienda, lavoratore autonomo ed ente non commerciale poteva beneficiare del Bonus Pubblicità. Ora è tornato per favorire gli investimenti in campagne pubblicitarie.

Il Bonus Pubblicità fece la sua prima apparizione nel 2018. Consisteva in una restituzione del 75% della somma delle spese pubblicitarie per la propria attività realizzate su giornali, cartacei e online, sulla radio e in televisione.

Per far fronte alla riduzione degli investimenti pubblicitari provocati dalla crisi innescata dalla pandemia, nel 2020 il Bonus Pubblicità è stato rilanciato ed incrementato per permettere a tutti di usufruirne. Vediamo più nello specifico quali sono le detrazioni previste.

Le due differenti tipologie di detrazioni

Salta subito all’occhio la differenza tra due differenti detrazioni fiscali, che analizziamo di seguito:

  • Detrazione al 50%: per tutti gli investimenti sui giornali, siano essi quotidiani o periodici, cartacei o online, senza la necessità di dimostrare che gli investimenti siano aumentati rispetto a quelli dell’anno precedente.
  • Detrazione al 75%: per quanto riguarda gli investimenti su radio e Tv, ma esclusivamente sul valore degli stessi rispetto all’anno passato, che deve essere almeno uguale all’1%.

Bonus pubblicità: su che canali investire

Per usufruire del Bonus Pubblicità, è necessario effettuare investimenti riferiti all’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali pubblicati su:

  • Giornali quotidiani e periodici, pubblicati in edizione cartacea o editi in formato digitale, iscritti presso il competente Tribunale, ovvero presso il Registro degli operatori di comunicazione e, in ogni caso, dotati della figura del direttore responsabile;
  • Emittenti radiofoniche e televisive iscritte presso il Registro degli operatori di comunicazione.

Come richiederlo

Lavoratori autonomi, aziende ed enti non commerciali possono richiedere le detrazioni fiscali riguardanti il Bonus Pubblicità presentando una comunicazione preventiva dal primo marzo al 31 marzo di ciascun anno.

Nel modello scaricabile dal sito dell’Agenzia dell’Entrate bisogna barrare la casella:

  • “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta”, contenente gli investimenti programmati per l’anno agevolato;
  • “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”, in cui si dichiara la concreta realizzazione degli investimenti indicati precedentemente nella comunicazione di accesso al credito.

Per poter richiedere il bonus pubblicità il nostro Staff è a tua completa disposizione, lascia i tuoi recapiti cliccando qui!

O per scaricare il modulo per l’invio della richiesta all’Agenzia delle Entrate, potete farlo cliccando qui!